Come sterilizzare mascherine e altri oggetti con uv

Ci sono vari metodi, ma il più comodo lo si deve alla tecnologia

come sterilizzare le mascherine

Con l’epidemia di Covid-19 ancora in atto in varie parti del pianeta, e fortunatamente in maniera contenuta nella nostra nazione, l’utilizzo delle mascherine è, e sarà ancora per un tempo relativamente lungo, indispensabile, soprattutto in luoghi chiusi e dove non si possa mantenere un distanziamento sociale appropriato.

E’ chiaro, quindi, che dovremo fare delle scorte ragionate di mascherine. Per evitare di comprarne quantità industriali, sarebbe opportuno ridurne il consumo.  Sterilizzare le mascherine, consentendone il riutilizzo, può farci risparmiare qualche soldo, e comunque, se utilizziamo uno sterilizzatore UV, ci consente di utilizzare la stessa apparecchiatura anche per sanificare altri oggetti.

E’ opportuno però fare dei distinguo, a seconda delle mascherine utilizzate.

Le mascherine in tessuto

Le mascherine fatte in tessuto (cotone o TNT, il più delle volte) si possono lavare in lavatrice usando semplice acqua calda (avendo l’accortezza di usare un programma di almeno 60 gradi). Prima di riutilizzarle è indispensabile farle asciugare bene stendendole possibilmente al sole. E, ad asciugatura avvenuta, non stirarle. Le mascherine di questo tipo si possono riutilizzare più volte (i produttori di solito suggeriscono fino a 10), purchè non siano danneggiate, strappate o infeltrite.

Se vengono usate per brevi periodi (per esempio, andare a fare la spesa) si possono anche lavare dopo 3-4 utilizzi. Diversamente, se le si indossano al lavoro per 8 o più ore, è opportuno disinfettarle ogni sera.

Le mascherine chirurgiche

In linea di massima, questo tipo di mascherine dovrebbe essere monouso. Esistono però dei metodi per estenderne la vita per altri due utilizzi, a patto che ovviamente siano del tutto integre, o non siano state indossate per troppe ore consecutive (quattro sarebbe il limite prudenziale):

  • Pulirle con uno spray disinfettante idroalcoolico con alcool almeno al 70% (e farle asciugare perfettamente all’aria prima di riutilizzarle, senza usare una asciugatrice). Lo svantaggio è che la capacità filtrante, già minima nel caso delle chirurgiche, si affievolisce ancora di più
  • Tenere la mascherina sospesa su di una pentola in ebollizione per almeno 10 minuti. Metodo pericoloso se non si fa estrema attenzione al vapore
  • Lasciare la mascherina su uno stenditoio, all’aria aperta, per qualche giorno. In questo modo il virus non sopravvive e scompare del tutto perché non trova alcun organismo umano in cui potersi replicare.
  • Usare uno sterilizzatore UV

 

Le mascherine FFP2/3 (o N95, secondo gli standard americani)

Anche per queste mascherine (che generalmente dovrebbero essere usate dagli operatori sanitari e di soccorso) la riutilizzabilità sta nel disinfettarle in modo che possano conservare la capacità filtrante e aderire bene al volto.

Oltre ai metodi illustrati nel precedente paragrafo ce n’è un altro, quello che prevede l’utilizzo dei raggi ultravioletti.  

Cosa sono i raggi UV?

La luce ultravioletta è, per farla semplice, un tipo di radiazione elettromagnetica con una lunghezza d’onda inferiore alla luce che l’occhio umano riesce a percepire, e quindi non è visibile per la maggior parte degli esseri umani.

Anche se non possiamo vedere I raggi UV, di certo ne sentiamo i loro effetti. La luce ultravioletta generata dal sole, ad esempio, è quella che ci fa abbronzare (ma è anche in grado di provocare tumori alla pelle).

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i raggi ultravioletti ricadono in tre categorie:

  • UV-A: sono i raggi più deboli, in pratica il 95% della luce ultravioletta mandata dal sole sulla Terra. Riesce a penetrare profondamente nei vari strati della pelle, contribuendo non solo alla formazione dell’abbronzatura, ma anche all’invecchiamento della pelle stessa, alla comparsa di rughe e in casi estremi ai tumori della pelle.
  • UV-B: Questo tipo di luce ultravioletta è in grado di permeare gli strati superficiali della pelle, ed è responsabile per l’abbronzatura (e per le ustioni), e dà un grosso contributo all’invecchiamento e, anche qui, ai tumori della pelle. La maggior parte dei raggi UV-B viene assorbita dallo strato di ozono della Terra, e quindi costituisce appena il 5% dei raggi solari che raggiungono il nostro pianeta.
  • UV-C: E’ la luce ultravioletta che genera più energia in assoluto, ed è quella che può fare maggiori danni. Fortunatamente, lo strato di ozono e l’atmosfera la assorbono completamente.

 

Le lampade UV-C usate nei dispositivi per la disinfezione in ambiente medico  hanno una particolare forma d’onda.

I raggi UV come possono disinfettare gli oggetti?

Lo possono fare perché la luce ultravioletta è in grado di penetrare nelle cellule degli agenti patogeni e danneggiarne  il DNA o l’RNA contenente il codice genetico. Inoltre, esistono delle prove che i raggi UV possano danneggiare gli aminoacidi e le proteine che proteggono il virus oppure che gli permettono di attaccarsi ed infettare una cellula ospite.

L’impiego dei raggi UV per la disinfezione risale a più di un secolo fa. Oggi esistono dei dispositivi di tutte le forme e dimensioni.

Una ricerca effettuata dall’americano National Institutes for Health ha messo a confronto quattro metodi per decontaminare le mascherine N95/FFP2:

1) raggi UV-C (260-285 nm)

2) vapore secco a 70 gradi

3) spray di etanolo al 70%

4) VHP (perossido di idrogeno vaporizzato).

Tutti e quattro i metodi hanno eliminato, in tempi variabili, il virus SARS-CoV-2 (alias Covid-19) dai campioni di tessuto presi in esame.

I ricercatori hanno scoperto che le maschere decontaminate con lo spray avevano perso la loro efficacia, e quindi ne sconsigliavano l’utilizzo. Dove si è usato il vapore a 70 gradi, le maschere si sono potute riutilizzare altre due volte.

Quelle decontaminate con i raggi UV-C e col VHP, invece, si sono potute usare fino a tre volte. E’ da tener presente che le mascherine sono state sottoposte ai raggi UV-C per un’ora e che sono state appiattite e girate durante la procedura (dato che i raggi UV-C agiscono sulle superfici piane).

Quali sterilizzatori UV-C si dovrebbero acquistare?

Sul mercato esiste una offerta abbastanza ampia. La scelta migliore potrebbe ricadere sugli sterilizzatori a forma di box chiuso che abbiano dimensioni tali da racchiudere una mascherina stesa. Questi sterilizzatori sono validissimi anche per sanificare qualsiasi piccolo oggetto come chiavi, smartphone, biberon, giocattoli e tutti gli altri oggetti di uso quotidiano.

Ecco i nostri suggerimenti: