Cosa sono e come funzionano i comparatori di prezzo

Sono realmente utili?

Qual è la leva che più ci influenza nella decisione di acquistare un determinato bene o sottoscrivere un dato servizio? La risposta è ovvia: il prezzo. L’obiettivo di qualsiasi consumatore è quello di spendere meno possibile, senza però rinunciare alla qualità.

Questa dinamica commerciale esiste da sempre. Da diversi anni il pubblico ha cominciato a trasferire (mettendo ormai in serio pericolo l’esistenza dei negozi fisici) online, su internet, i propri acquisti.

Passati i primi periodi, nei quali si è assistito alla nascita frenetica (seguita da un’altrettanto repentina sparizione) di centinaia di sitarelli fatti con grafica approssimativa e sistemi di acquisto rudimentali, il mondo dell’e-commerce si è evoluto a tal punto che sono state sviluppate delle piattaforme sofisticatissime che permettono di consultare immensi cataloghi online, con tanto di descrizioni dettagliate dei prodotti, recensioni, possibilità di acquisto praticamente con qualsiasi strumento di pagamento esistente, consegne rapidissime etc.

Fortunatamente l’e-commerce è composto non solo da quei tre-quattro colossi americano-cinesi che hanno rastrellato e dominano moltissimi campi, ma anche da migliaia di siti in settori merceologici che rappresentano servizi.

La ricerca sul web, dalle indagini singole ai comparatori

Un utente che volesse acquistare online un bene, o un servizio, va su un motore di ricerca e in genere apre diverse pagine sul browser, ognuna che porta ai vari venditori del bene o servizio al quale è interessato.

Quando, con fatica, riesce a trovare il prezzo più basso, deve fare altre indagini che riguardano l’affidabilità del venditore, il servizio post-vendita, i tempi di spedizione del bene o di erogazione del servizio etc.

Ed è qui che intervengono i comparatori di prezzo, che sono dei metamotori (=che svolgono il loro lavoro su più siti contemporaneamente) di ricerca che mettono a confronto un determinato numero di siti di e-commerce in una sola pagina, evitando di sovraccaricare il browser e di passare molto scomodamente da una pagina all’altra per fare un confronto “manuale”.

Vuoi risparmiare sulle bollette di luce e gas? Confronta le migliori offerte su Tiscali tagliacosti!

Come funzionano i comparatori?

In questi siti l’utente, in genere, inserisce delle parole chiave (dal tipo di prodotto che intende acquistare fino ad arrivare al codice del prodotto stesso) e il motore di ricerca risponde fornendo una pagina in cui compaiono i prezzi  di quel prodotto forniti da tutti i siti di e-commerce che hanno stretto un accordo con quel comparatore.

Alcuni li confondono con i cosiddetti “marketplace” presenti all’interno di siti di e-commerce molto più grandi (avrete capito di chi parliamo…): la differenza è che i comparatori non sono il “luogo” finale dell’acquisto, che avviene solo dopo avere scelto il prezzo più conveniente ed essere reindirizzati al sito di e-commerce che lo propone.

I comparatori rappresentano, per i siti di e-commerce, un importante strumento di marketing perché consentono di aumentare notevolmente sia il traffico che le vendite. E avere il prezzo più basso non è sufficiente: è indispensabile anche avere delle schede prodotto ben fatte (e ottimizzate in ogni punto) e dare un’aria di professionalità.

Confrontare le offerte di luce e gas: Tiscali tagliacosti

Dal primo gennaio 2022 il regime tutelato dell’energia elettrica e del gas naturale non esisterà più. Il mercato libero, però, esiste già da anni, e diversi studi hanno accertato che, in particolar modo per l’energia elettrica, scegliendo oculatamente il fornitore si può risparmiare anche il 23%.

Andando a esaminare il passaggio a un operatore che fornisce sia luce che gas, si è riscontrato che il risparmio è più lieve, ma comunque è sempre significativo. Attualmente sembrano essere più convenienti, per l’energia elettrica, le offerte a prezzo bloccato, che permettono di pagare la stessa cifra per 12 o 24 mesi. Per il gas le migliori offerte sono quelle in cui il prezzo si calcola partendo dal costo all’ingrosso del gas, al quale il fornitore del mercato libero aggiunge una cifra fissa per metro cubo.

Online si possono acquistare non solo prodotti fisici, ma anche servizi di varia natura, tra i quali le assicurazioni, la connettività internet, e la fornitura di luce e gas. Proprio per queste ultime è nato il portale Tiscali tagliacosti, un comparatore che mette a confronto le offerte più convenienti dei fornitori più noti ed affidabili.

L’utilizzo è semplicissimo: dalla home page si sceglie se confrontare le offerte separate di luce o gas, oppure se optare per una offerta congiunta di luce e gas. Immediatamente comparirà una pagina con le migliori offerte, ordinabili anche per prezzo crescente o decrescente, selezionate dal portale. A quel punto si digita un numero di cellulare e si viene richiamati in brevissimo tempo cliccando su “Ti chiamiamo noi”. La consulenza telefonica è completamente gratuita.

Ma dove sta la convenienza nell’utilizzo di un comparatore come Tiscali tagliacosti? Nella sua semplicità e immediatezza di utilizzo, e quindi nell’enorme risparmio di tempo che si sarebbe sprecato confrontando una per una le offerte. Un colpo d’occhio, e già ci si può fare un’idea di massima sui vari fornitori.

E poi, nel vantaggio di avere una consulenza telefonica gratuita che permette, tramite una semplice chiacchierata, di adattare l’offerta alle proprie esigenze di consumo, personali e familiari.