Come trasferire file rapidamente tra due dispositivi Android

Due alternative comode e facili da utilizzare

Quando si devono trasferire file di grosse dimensioni da un dispositivo Android a un altro le alternative più usate sono il Bluetooth e i servizi cloud. Tuttavia, persino la versione 4.0 di Bluetooth (la penultima)  offre una velocità di trasferimento dati massima di 25 Mbit/s, inadeguata a trasferire file grandi diversi Giga. La velocità del cloud invece dipende sia dalla velocità della linea che (eventualmente) dal Wi-Fi.

Quindi, per trasferire velocemente file da un dispositivo Android a un altro le soluzioni alternative sono rappresentate dalla creazione di un hotspot personale oppure dall'utilizzo di un cavo USB OTG.

Fisso o Mobile? Tiscali ha una offerta per qualsiasi esigenza, clicca qui!

 

Prima soluzione: creare un server per un hotspot personale

Il modo più facile per trasferire un file consiste nel creare un hotspot personale tramite una app chiamata ES File Manager, da scaricare su entrambi i dispositivi. A installazione avvenuta, andate su Android Settings>More Options su Wireless & Networks, toccate Tethering & Portable Hotspot, poi su Wi-Fi Hotspot per attivarlo.

Una volta attivato comincerà a trasmettere segnali Wi-Fi; adesso, dall'altro dispositivo Android collegate la stessa rete Wi-Fi che il primo dispositivo Android sta ospitando. Aprite ES File Manager e individuate i file da trasferire. Premete a lungo sui file da selezionare fino a quando vedete i segni di spunta. Selezionate l'opzione More dall'angolo inferiore destro dello schermo e toccate l'opzione Send, che effettuerà la scansione automatica dei dispositivi collegati al vostro hotspot personale: selezionate il dispositivo connesso. Sull'altro dispositivo vedrete una finestra di dialogo, toccate Accept e il trasferimento inizierà.

Seconda soluzione: usare un cavo OTG USB

Le versioni di Android dalla 4.4 in poi possono trasferire file tramite un cavetto OTG (reperibile per pochi euro da qualsiasi rivenditore) da un dispositivo all'altro, in cui uno dei due funge da server host.

Prima di iniziare, assicuratevi di avere il cavetto OTG USB e un cavo dati USB. Collegate il cavo OTG al dispositivo che farà da host, in altre parole, quello che riceverà i file. Collegate il cavo dati USB (che avrete già inserito nel connettore dell'altro dispositivo) al connettore femmina del cavo OTG.

A questo punto vedrete comparire sullo schermo del secondo dispositivo l'opzione per la connettività USB. Toccate la voce "Attiva storage USB" (o simili) per collegare i due dispositivi. Una volta che lo storage USB è collegato al dispositivo host aprite la app File Manager, selezionate lo storage USB esterno collegato al dispositivo Android che fa da host. Aprite lo storage USB e selezionate i file da copiare o spostare verso il dispositivo host Android.

E' uno dei modi più veloci per trasferire i file: la velocità dipende dalle specifiche hardware dei dispositivi, ma è comunque superiore rispetto agli altri metodi più comunemente utilizzati.

Una osservazione: mentre entrambi i dispositivi sono collegati tra loro col cavo OTG e col cavo dati, il dispositivo col cavo dati inserito inizierà a caricare la sua batteria ricevendo corrente dall'host col cavo OTG. E' del tutto normale e non danneggia nessuna delle due batterie.