Stufi degli scocciatori? Ecco come sapere sempre chi si presenta alla vostra porta

Sicurezza dentro e fuori dalla mura domestiche

Come abbiamo già visto anche in precedenti articoli, i gadget smart home stanno rendendo sempre più interattive e sicure le nostre mura domestiche. Ora vediamo come poter osservare chi si presenta alla porta di casa in nostra assenza (ma anche quando non vogliamo essere disturbati, ovviamente).

Tre i dispositivi coinvolti, tutti di Arlo, azienda specializzata proprio in sistemi di videosorveglianza Smart:

 

Vuoi navigare senza limiti a 1 Gigabit con la fibra ottica? Verifica qui se la tua zona è coperta e scopri l'incredibile tariffa di Tiscali UltraInternet Fibra!

 

La videocamera scelta è l’ultima nata nella immensa collezione dell’azienda americana. La Ultra è la prima videocamera di sorveglianza proposta da Arlo a raggiungere la risoluzione 4K. Una risoluzione impressionante, importante per non perdere dettagli importanti, soprattutto quando si tratta di riconoscimento facciale. Una caratteristica importante, quindi, che si sposa perfettamente con un’altra peculiarità di questo modello: la Color Night Vision. Niente più immagini sgranate e in bianco e nero ma filmati nitidi e a colori, con forme e volti (soprattutto) dettagliati ben riconoscibili, come per una normale ripresa con luce diurna. Un’evoluzione non da poco.

Ovviamente la Arlo Ultra è una videocamera resistente a polvere, vento e acqua. Grazie ai supporti compresi all’interno della confezione l’installazione è questione di qualche minuto e le semisfere magnetiche vi aiuteranno ad orientare il dispositivo con estrema semplicità, inquadrando l’area di vostro interesse. A questo proposito, il software in dotazione da scaricare sul vostro smartphone consente di circoscrivere la porzione di scena da sorvegliare con estrema precisione, in modo da evitare involontari falsi allarmi.

L’installazione è questione di un attimo ed è il primo dispositivo da configurare tra i tre a nostra disposizione. Pochi i passaggi richiesti. Per prima cosa si collega la base ad una porta libera del nostro router attraverso il cavo in dotazione. Quindi si scarica l’app Arlo dal marketplace Google o iOS e, una volta creato un nuovo profilo utente, si deve cercare il dispositivo da noi posseduto dall’elenco. Attenzione, ovviamente dovete per prima cosa configurare la base e NON la telecamera. Sono due installazioni differenti, tenetelo bene a mente. Una volta trovata la vostra base vi sarà chiesto di collegarla alla presa elettrica e dopo qualche minuto sarà rilevata dal vostro smartphone. Nota bene: lo smartphone dovrà essere agganciato alla stessa rete Wi-Fi del router dov’è connessa la base, altrimenti la magia non funziona.

Fatto questo e aspettato il tempo necessario per la verifica di nuovi firmware, potete configurare la camera. Anche in questo caso è questione di un attimo. Trovate la camera dall’elenco dell’app, e seguite le istruzioni. Vi sarà sostanzialmente richiesto di inserire la batteria e attendere l'accoppiamento con la base. Dopo qualche secondo inizierete a ricevere le immagini. Tramite l’app potrete agire più in profondità configurando il sistema secondo le vostre esigenze. La Arlo Ultra è anche dotata di uno speaker a due vie, ragion per cui potrete anche ascoltare l’audio ambientale e parlare con un ipotetico interlocutore.

Una volta installata la base e la videocamera è arrivato il momento di passare al Doorbell che, come suggerisce il nome è un vero e proprio campanello vero e proprio. Anch’esso resistente agli elementi esterni, l’Arlo Door Bell è nato proprio per sostituire o affiancare il vostro campanello domestico. Anche in questo caso l’App Arlo scaricata in precedenza è fondamentale per la configurazione. Una volta selezionato il modello dall’elenco lo dovrete associare alla base precedentemente configurata e, in seguito, alla telecamera in vostro possesso. Se volete procedere direttamente alla sostituzione del vostro campanello domestico, all’interno della confezione troverete anche i cavi utili per questa operazione e soprattutto vi sarà indicato come posizionare lo switch interno al dispositivo. Una volta fatto questo, il Door Bell è pronto per l’utilizzo. 

Terzo e ultimo dispositivo (è un accessorio, in realtà) è il Chime. Installando il Door Bell potrete decidere se continuare ad affidarvi al vostro solito campanello, oppure dare un tocco di novità avvalendovi del Chime che, altro non è che un “buzzer” configurabile. Basterà connetterlo ad una presa elettrica, procedere alla solita installazione dalla App Arlo e scegliere che tipo di suoneria dare al vostro nuovo campanello, scegliendo tra quelli già in elenco. Una volta associato il Chime al Door Bell, il gioco è praticamente fatto.

A questo punto avete a disposizione un sistema di sorveglianza operativo e configurato. Una volta che qualcuno si presenterà alla vostra porta riceverete una notifica sul vostro smartphone, come se fosse una normale chiamata. Rispondendo alla chiamata potrete vedere il vostro interlocutore e scegliere se rispondere con un messaggio pre registrato (i classici “Sono impegnato” o “non mi interessa”), oppure parlare direttamente attraverso lo speaker della videocamera o del Door Bell stesso. Potrete quindi declinare le simpatiche “offerte speciali” senza dovervi scomodare di andare alla porta, oppure chiedere gentilmente al corriere o al postino di lasciare il pacco in arrivo direttamente al vostro vicino.

A questo proposito, la Arlo Ultra integra un sistema di riconoscimento dei pacchi che fa si che vi arrivi una notifica al vostro smartphone non appena il sistema riconoscerà la forma del pacchetto. Il sistema è ancora in fase beta, per cui non stupitevi se qualche volta il riconoscimento mancherà il bersaglio, ma Arlo continua costantemente ad aggiornare i suoi dispositivi, per cui aspettatevi costanti miglioramenti. I video registrati dal sistema potranno essere conservati direttamente all’interno della base grazie alla porta MicroSD, oppure potranno essere conservati sul servizio Cloud messo a disposizione da Arlo. Il primo anno di Arlo Smart è compreso all’interno della confezione della Arlo Ultra, a partire dall’irrisorio costo di 2,79 euro al mese. In questo modo tutti gli eventi registrati dalla vostra videocamera saranno al sicuro e disponibili a essere raggiunti da qualsiasi dispositivo per il download.

E’ quindi arrivato il momento di tirare una riga e, soprattutto, fare i conti. Quanto costa metterci al riparo da potenziali intrusi e, soprattutto, essere sempre al corrente di chi abbiamo davanti alla nostra porta di casa? Il Doorbell può essere acquistato da Amazon al prezzo di 75 euro circa. Sta a voi scegliere se abbinare anche il Chime (60 euro circa), oppure affidarvi al vostro normale campanello domestico. Per quanto riguarda la telecamera, avete invece l’imbarazzo della scelta. Quella utilizzata da noi per questa prova, ovvero la Arlo Ultra 4K, comprensiva di base e un anno di Arlo Smart la trovate a 499 euro. Forse non proprio economica, ma la qualità e le caratteristiche del dispositivo sono assolutamente “over the top”. La configurazione che abbiamo testato nel nostro articolo può comunque avere a disposizione anche una telecamera con una risoluzione inferiore come una Arlo Pro 2 a 1080p del costo complessivo di 280 euro. A voi la scelta sulla qualità, o per il numero di camere da abbinare alla base. Il sistema è completamente modellabile alle vostre esigenze e alle vostre disponibilità.

Potrete anche associare altri gadgets disponibili nel catalogo Arlo, come luci di sorveglianza, telecamere LTE come la Arlo GO e tanti altri che vi invitiamo a scoprire nella pagina ufficiale del produttore. Per quello che ci riguarda abbiamo apprezzato la semplicità d’utilizzo e la velocità di risposta del sistema. Anche se fuori casa, abbiamo ricevuto la notifica del nostro Doorbell in tempi davvero rapidissimi e con una qualità audiovideo davvero invidiabile. Per noi il sistema è ampiamente promosso.